Come trasformare la TV in Smart TV

I tempi dei contenuti passivi sono ormai lontani e le moderne Smart TV offrono un’esperienza interattiva unica. Fino ad alcuni anni fa, il solo ed unico modo per trovare un film o un programma interessante nel momento in cui volevamo noi, era quello di praticare lo zapping frenetico alla ricerca quasi disperata di qualcosa di bello da vedere. Tempi passati. Con l’avvento delle nuove tecnologie relative al segnale digitale questa pratica ha subito un freno non indifferente, dovuto soprattutto al cambio di velocità di ricezione dei canali, il quale non è più immediato. Oltre ciò, le Smart TV hanno invaso il mercato ritagliandosi una fetta di utenti che adesso sono in grado di scegliere come e quando vogliono i contenuti da vedere. Infatti, grazie alle tante app di streaming (Netflix, Amazon Prime Video, Rakuten, ecc) che è possibile installare sulla TV, l’utente può scegliere il film o la serie che intende guardare e può farli partire nel momento in cui desidera, senza obblighi di orario e soprattutto senza pubblicità. Un cambiamento davvero notevole. Se a casa hai una TV acquistata pochi anni fa, sappi che può diventare una Smart TV di tutto rispetto con una spesa davvero irrisoria. In questo articolo ti spieghiamo come.

Trasforma la tua TV in Smart Tv con un Box Android

Se in casa hai una bella TV dotata di ingresso HDMI, magari anche da parecchi pollici, e ti dispiacerebbe sostituirla perché nonostante tutto è un’ottima TV, beh, puoi pensare di trasformarla grazie ad un Box Android. I Box Android sono dispositivi multimediali all’interno dei quali è installato il famosissimo sistema operativo Android, sviluppato da Google. Collegando un Box Android alla TV sarà possibile sfruttare il sistema operativo sulla stessa, ampliandone le funzioni grazie alla vasta scelta di applicazioni che sarà possibile installare attraverso il Google Play Store. Tutti possono trasformare la propria TV in Smart TV in un batter d’occhio.

Da sinistra: MXQ Pro 4K, H96 Max Plus e Memobox UFO Pro 4K

Box Android: quale scegliere?

Il mercato offre tantissimi modelli di Box Android in grado di soddisfare tutte le esigenze degli spettatori 2.0 ma scegliere il giusto Box Android può fare la differenza in quanto non sono tutti uguali in termini di funzioni e prestazioni. Un buon Box Android deve innanzitutto possedere un’interfaccia pulita ed intuitiva che permetta a tutti di poterlo utilizzare con estrema semplicità. Le applicazioni devono essere disposte in maniera chiara e subito raggiungibile per permettere una navigazione piacevole all’utente. Ma che caratteristiche tecniche deve avere un buon Box per essere soddisfacente? Spesso c’è molta confusione in relazione alle specifiche tecniche ed ora proviamo a fare un po’ di chiarezza in merito.

La schermata iniziale del Box Android H96 Max+

RAM, ROM e Processore: le basi della velocità di un Box Android

Spesso sentiamo utenti affermare: “Un box per essere soddisfacente deve avere almeno dai 4Gb di RAM in su!“… niente di più falso. La memoria RAM (Random Access Memory) è la memoria ad accesso casuale, grazie alla quale vengono caricati i programmi da eseguire e mantenuti in memoria fino alla loro chiusura. Ma le prestazioni della memoria RAM sono strettamente collegate al Processore. Se a bordo del Box non c’è un buon Processore, è probabile che la RAM venga sfruttata in maniera non ottimale. Al contrario, con un ottimo Processore a bordo (ad esempio un AMLOGIC), vedremo letteralmente “schizzare” un Box con soli 2Gb di RAM. La memoria ROM invece, ospita il sistema operativo, le varie applicazioni ed i contenuti multimediali, ed è bene che ce ne sia sempre un po’ libera per consentire al tutto di girare in modo arioso. Infatti quando la memoria ROM inizia a scarseggiare, noteremo un calo di prestazioni. Dunque è sempre consigliabile salvare contenuti multimediali come immagini e video su un supporto USB esterno (pen drive) anziché sulla memoria fisica del Box stesso.

Box Android VS Box Android TV: le differenze

Sentiamo spesso parlare di Box Android e Box Android TV, ma quali sono le differenze? Sostanzialmente un Box Android si comporta in un modo molto simile a quello di un Tablet Android: all’avvio, sulla schermata home troviamo le varie icone delle applicazioni disposte a griglia tra le quali è possibile navigare per selezionarle, e tali app sono fondamentalmente le stesse che è possibile installare sullo smartphone e sul tablet. Un Box Android TV invece, è un box sul quale è presente un sistema operativo Android TV, ovvero un OS creato appositamente per l’utilizzo sulla televisione, con un’interfaccia ottimizzata che supporta quindi tutta una serie di app create apposta per la TV, le quali hanno un’interfaccia completamente diversa pensata per l’uso con il telecomando e dunque con una navigazione semplificata. Mentre il costo di un Box Android può partire da pochi euro, il prezzo di un Box Android TV è un pochino più alto, rapportato all’esperienza d’uso finale nettamente migliore.

Come rendere Smart la TV: Conclusioni

Da come abbiamo potuto leggere insieme, scegliendo un buon Box Android o Android TV sarà possibile trasformare qualsiasi Televisore dotato di una porta HDMI in una Smart TV pienamente funzionante, dove sarà possibile installare tantissime app per la fruizione di contenuti multimediali ed addirittura giochi per intrattenere proprio tutta la famiglia, risparmiando diverse centinaia di euro.

Di seguito ti lasciamo un collegamento attraverso il quale potrai visionare una selezione di Box Android utili a rendere Smart la tua TV. Una volta acquistato il box non dovrai fare altro che collegarlo alla rete elettrica tramite il suo alimentatore ed alla tua TV attraverso il cavetto HDMI in dotazione. Buon divertimento!

BOX ANDROID IN OFFERTA

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *